iOS 9.3: come rendere Night Shift simile a True Tone [GUIDA]

E’ ormai certo che iPad Pro da 9.7 pollici sia ad oggi il dispositivo preferito della compagnia di Cupertino, in quanto non c’è altro modo per spiegare le importanti caratteristiche implementate sul suo tablet, addirittura migliore di quello che fino all’anno scorso era un prodotto di nicchia, iPad Pro da 12.9 pollici. Il modello da 9.7 pollici è l’unico iPad in grado di registrare video in 4K e a possedere una fotocamera posteriore da 12 megapixel. Le fotocamere, inoltre, sono entrambe dotate di flash, vero e proprio per quella posteriore e Retina flash per quella anteriore. E naturalmente è l’unico iPad ad avere un display True Tone.

Ma non c’è da disperare, infatti, nonostante il True Tone sia un esclusiva del nuovo iPad, in realtà non ne avete realmente bisogno, soprattutto non vale la pena spendere tutti quei soldi per alcune nuove caratteristiche. Se si utilizza la nuova funzione Night Shift, introdotta con iOS 9.3, è possibile riprodurre i medesimi effetti proposti da True Tone, senza però dover sborsare neanche un euro. Come? Vediamolo subito.

Night Shift vs True Tone

True Tone

True Tone è la nuova funzione presentata da Apple nell’evento di marzo, che cerca di adattare i colori del display alla luce ambientale presente nella stanza. Ogni dispositivo iOS presenta dei sensori per la luce ambientali (che servono per controllare la funzione di auto luminosità), ma i sensori di iPad Pro sono gli unici in grado di rilevare la temperatura del colore, così come la luminosità.

In poche parole, se la vostra stanza è illuminata da luci a LED fredde, lo schermo del tablet della Mela manterrà le luci verso lo spettro blu, e quando ci si sposta verso una luce più calda di una lampada ad incandescenza, ad esempio, lo schermo si regola in automatico verso lo spettro giallo. L’idea è quella di compensare i piccoli cambiamenti nella luce ambientale, il display avrà cosi un aspetto diverso in funzione del luogo.

True Tone funziona esattamente come dichiarato dall’azienda, ma questo non mi ha convinto che sia veramente necessario. In verità questa caratteristica non si nota veramente, se non in particolari situazioni, come quando si sta cercando di scattare una foto con lo schermo illuminato. Tuttavia, per notare la sua effettiva funzionalità è necessario osservare con molta attenzione il display per dire se sia troppo giallo o troppo blu. Solitamente, quando si usa l’iPad si è concentrati sul contenuto dello schermo non sulla cornice.

Night Shift

A meno che non si possieda un iPad Pro da 9.7 pollici, i sensori di luce ambientale di iPad Pro, iPhone e iPad non permettono di passare da luce gialla a luce blu, e quindi non possiedono funzione True Tone. Tuttavia, qualsiasi dispositivo che abbia iOS 9.3 può utilizzare la nuova funzione Night Shift, che crea un effetto simile per un motivo diverso.

La modalità Notte, quando attivata, riduce la quantità di luce blu emessa dal display nelle ore notturne. Sulla base di un algoritmo, il display è in grado di spostare la temperatura del colore verso lo spettro giallo da dopo il tramonto fino al mattino successivo. L’utilità di questa funzione è quella di ridurre gli effetti della luce blu sul cervello, in quanto riduce il rilascio di melatonina responsabile della sensazione di sonno. La luce blu infatti, inganna il cervello a pensare che sia ancora giorno, rendendo così più difficile addormentarsi.

Almeno questa è l’idea, in realtà la ricerca non ha raccolto dati a sufficienza per dimostrare che lo spettro emesso dalla luce blu di un display sia in grado di influenzare la produzione di melatonina. A differenza di True Tone, Night Shift è completamente regolabile. Dal momento che l’effetto non è controllato da sensori, esso non regola automaticamente il colore della luce nella stanza in cui ci si trova, ma può essere modificata manualmente, impostando il cursore in Impostazioni > Schermo a seconda della tonalità che crediate si adatti meglio.

A mio parere spostare il cursore a valori superiori al 25% possa assegnare una tonalità allo schermo eccessivamente tendente al giallo. Infatti, se si sposta completamente verso destra, si avrà la sensazione di stare osservando il display attraverso un bicchiere di birra. E’ possibile anche impostare un periodo di tempo in cui si vuole attivata la modalità Notte, e volendo è possibile scegliere di lasciarla attiva tutto il giorno, per ricreare una sorta di effetto “True Tone dei poveri”.

Snapchat: Gianglv20

Instagram: Bibugian

Facebook PageMaccoffeetime di Gianluca Belloni

TwitterGianluca Belloni

(Visited 44 times, 1 visits today)